Cape Town - Table Mountain

La famosa Table Mountain è il simbolo della città, che contraddistingue la sua skyline. Alta 1087 m, ha la sommità completamente piatta che si estende per quasi 3 km e nelle giornate limpide la si può vedere da 200 chilometri di distanza.
Il suo ecosistema consente il rigoglio di un gran numero di specie vegetali (1300), fra cui la king protea, e la vita di numerosi animali, tra i quali i rock dassie (conigli delle rocce, simili alle cavie e ai castori). Spesso la cima, formata da strati di arenaria e scisto, è avvolta da nuvole o da una sorta di coltre lattea di nubi che scende lungo i suoi fianchi, chiamata tablecloth (tovaglia). Il fenomeno è originato dal vento di mare, il Cape Doctor (il Dottore del Capo, così chiamato perché dona un clima salubre alla città), che soffia sovente fino a 100 km/h e che spazza via ogni malattia pulendo l’aria; l’umidità, che sale da False Bay, si scontra con la montagna e si condensa in questa fitta coltre. Quando tale fenomeno è più vistoso e il vento è più forte, la funivia chiude e non si può più salire sulla montagna, neanche a piedi; inizia, inoltre, a suonare una sirena: tutti coloro che si trovano sulla Table Mountain sono avvertiti che devono scendere al più presto per non rimane intrappolati dalle nubi. Di notte la parete è illuminata da potenti riflettori.

La salita
Esistono cinque sentieri che salgono lungo i fianchi della montagna e che permettono di raggiungere a piedi la sommità, il primo dei quali fu aperto nel 1503 da un Portoghese; alcuni sono abbastanza impegnativi e percorribili in circa 2 ore, altri sono indicati solo agli scalatori e a chi fa freeclimbing e ama le scariche di adrenalina. In ogni caso occorrono buone scarpe da montagna, un’ottima forma fisica, una riserva d’acqua, una giacca a vento, visti i rapidi cambiamenti di clima, una mappa dettagliata dei sentieri ed è meglio essere accompagnati da qualcuno che conosca già il percorso.
Modernissima e veloce, la funivia, inaugurata nel 1929, è stata rimessa a nuovo nel 1997; la stazione di partenza si trova al fondo di Kloof Nek Rd (tel. 245148). Lunga 1244 m, la Cable Car possiede cabine rotonde e rotanti, che contengono 28 persone e permettono una visione a 360 gradi; in soli sette minuti si è sulla cima, dove vi sono bar, ristoranti e un percorso panoramico (Informazioni: tel. 4248181. Orario: tutti i giorni 7.30-22 da dicembre a gennaio, 8-21 da febbraio ad aprile, 8-19.30 da maggio a novembre. Prezzo: 65R).

Le altre vette della città
Ci sono altre montagne che circondano Cape Town: a est c’è Devil’s Peak (1001 m), a sud-ovest Twelve Apostles (894 m), a ovest Lion’s Head (669 m) e Signal Hill (350 m), che si raggiunge percorrendo l’omonima strada. Quest’ultima sembra una sorta di cornice panoramica, ricoperta di conifere ed eucalipti, che termina in un belvedere; dalle sue pendici inferiori, tutti i giorni alle 12 tranne la domenica, si spara come un tempo il Noon Gun: colpo di cannone a salve per salutare le navi in rada e far regolare gli orologi ai Capetonians (gli abitanti della città).
 

testi di: Pietro Tarallo