Free State - Golden Gate Highlands

Lasciata Bloemfontein, immettendosi sulla N8 si incontra la quasi invisibile Botshabelo (30 km), che è una delle più popolose township del Paese creata negli anni dell’apartheid; procedendo per 65 km si arriva fino a Thaba Nchu, con l’immancabile casinò nel Sun Hotel, sovrastata dalla Montagna nera (2138 m). Continuando per 60 km si trova Ladybrand, da dove si può raggiungere in 15 km Maseru Bridge, posto di frontiera con il Lesotho aperto dalle 6 alle 22.
Seguendo invece la R26, che corre lungo il confine con il Lesotho, e dirigendosi verso nord-est, si incontrano Ficksburg (34 km) e Fouriesburg (62 km). A pochi chilometri vi è un altro posto di frontiera, il Ficksburg Bridge-Caledoonspoort, in funzione 24 ore su 24.
La strada continua, fra paesaggi di incredibile bellezza e completamente privi della presenza umana, fino a Clarens (29 km). A pochi chilometri da questa minuscola cittadina si entra nel Golden Gate Highlands National Park, posto alle pendici dei monti Maluti. Le immense sculture naturali, create con stupefacente fantasia dal vento e dalla pioggia nella pietra arenaria rossa, gialla, arancione e ocra, rappresentano la caratteristica più significativa di questo parco nazionale, che si estende a ridosso del Lesotho, nella zona nord-orientale del Free State. Le forme bizzarre delle sue rocce, che alternano strati di quarzite a rivestimenti di basalto, si accendono delle tonalità calde e intense dell’oro, che gli hanno appunto valso il nome che porta. Costituito nel 1963, si estende per 11.630 ettari e sorge a un’altitudine compresa tra i 1892 e i 2837 m. Nel parco nidificano 140 specie di uccelli, fra i quali vi sono anche le aquile di Verreaux, gli ibis calvi, i codacuta delle erbe, i picchi terricoli e i rari avvoltoi degli agnelli; alcune postazioni nascoste consentono di osservarli mentre si nutrono delle loro prede, in particolare presso la Langtoon Dam. Nel parco vivono anche antilopi alcine, oribi, sciacalli, gnu dalla coda nera, caprioli neri e zebre di montagna.
Il Rhebok Hiking Trail attraversa uno spettacolare paesaggio; lungo 33 km, ci vogliono almeno due giorni per percorrerlo interamente: si parte dal Glen Reenen Rest Camp e si raggiunge la vetta del Generaalskop (2757 m), dove si può pernottare in un’apposita capanna.
L’accesso al parco avviene attraverso il Golden Gate, costituito da due rocce alte 100 m che si elevano ai lati della strada. Per chi decide di fermarsi qualche giorno, il Brandwag Camp possiede alloggi confortevoli, un ristorante, self-service, campi da tennis, una piscina e cavalli per fare escursioni; a un chilometro di distanza, invece, è situato il Glen Reenen Camp, dotato di bungalow in muratura, campeggio e distributore di benzina.
(Informazioni e prenotazioni: tel. 2561471. Orario: tutti i giorni 7-18. Ingresso: 20R a persona e 30R per autoveicolo).

testi di: Pietro Tarallo