Northern Province - Pietersburg-polokwane

La capitale, fondata nel 1886 da un gruppo di Voortrekker, è famosa per i suoi viali ombreggiati da jacarande e da eritrine (alberi del corallo). Centro commerciale, agricolo e culturale, Pietersburg è situata sulla Great North Road (N1), a metà strada fra Pretoria (190 km) e il confine con lo Zimbabwe (187 km).

La città dell’asino
Il Civic Center Plaza, con giardini e laghetti, sentieri e ruscelli, è il cuore verde di Pietersburg: vi sorgono, oltre al Centro Civico, altre importanti istituzioni, quali l’Art Museum, nei Giardini della Biblioteca, che ospita una notevole collezione di opere d’arte (Library Gardens Center, tel. 2902177. Orario: lunedì-venerdì 9-16.30). L’ultimo sabato del mese, nei Giardini della Biblioteca si tiene un mercatino delle pulci.
Il Conservatory conserva piante esotiche; al centro si trova un gazebo degli anni Venti, dove si tengono concerti di bande musicali. La Chiesa Riformata Olandese, trasformata in museo, espone 22.000 negativi su lastra di vetro e fotografie di valore storico appartenenti alla collezione Hugh Exton (Orario: lunedì-venerdì 9-15.30, sabato 9-12 e domenica 15-17). Il Pietersburg Museum è stato allestito nella storica Irish House ed espone reperti che vanno dall’Età della Pietra fino al periodo dei Voortrekker (Cnr Vorster & Landdros Maré Sts, tel. 2902182. Orario: lunedì-venerdì 8-16, sabato 9-12 e domenica 15-17).
Poco distante, sempre all’angolo tra Vorster St e Landdros Maré St, è stata posta la Donkey Statue, monumento in onore dell’asino, eretto per ricordare come questi poveri animali abbiano sostenuto fatiche inenarrabili durante la colonizzazione dei Boeri, che li usavano senza pietà per trasportare carichi pesantissimi di merci nelle miniere e nei campi. Pare che molti asini, vinti dall’estenuante fatica, si lanciassero nel vuoto dei pozzi minerari in un tragico tentativo di suicido.

Gli immediati dintorni
A nord della città, lungo la N1, sono state poste delle interessanti sculture industriali realizzate con rottami di ferro, che formano la Industrial Art Exhibition. Il Pietersburg Bird Sanctuary, a nord di Market St sulla R521, accoglie 280 specie di uccelli (tel. 2952011. Orario: tutti i giorni 7-18. Ingresso: 5R).
A sud, a 5 km, la Pietersburg Game Reserve ospita 21 specie di animali selvaggi (zebre, giraffe, gemsbok e rinoceronti), che vivono sui suoi 2500 ettari (Dorp St, tel. 2902331. Orario: tutti i giorni 7-16.30. Ingresso: 5R). Union Park, invece, a 5 km sulla strada per la miniera di silicio, possiede un laghetto formato da una diga, un campo giochi, alberi ombrosi e spazi per il braai. Sulla R37 per Cheunespoort Rd, a 9 km del centro, si trova il Bakone Malapa Open Air Museum, che presenta la cultura, la storia e le tradizioni dei Sotho e le loro attività tradizionali, come la produzione di cestini e terrecotte, la concia delle pelli e la fabbricazione della birra (tel. 2952867. Orario: lunedì-venerdì 8-16, sabato 9-15.30. Visite guidate ogni mezz’ora).
A est, infine, dopo aver percorso per 30 km la R71, si arriva a Zion City Moira, nei pressi di Boyne: è la sede della Zion Christian Church, che ogni anno accoglie circa un milione di pellegrini in occasione della Pasqua.

Escursioni verso oriente
Con la R37 in circa 140 km si raggiunge la vicina Provincia di Mpumalanga, immersa in colline e monti ricoperti di vegetazione e situata tra una fuga di rilievi e di savane, dove si dipanano uno dietro l’altro paesini con casette e capanne che non sono citati sulla carta autostradale. Con la R71 e la R40, invece, ci si spinge fino a Hoedspruit (170 km), che consente di visitare alcune riserve private di valore naturalistico, collocate a ridosso del Kruger National Park. La Moholoholo Animal Rehabilitation Center provvede alla riabilitazione di animali malati o feriti (tel. 7955236. Orario: tutti i giorni 9.30-15. Ingresso: 30R); lo Swadini Reptile Park, invece, presenta varie specie di rettili (Orario: tutti i giorni 8-17. Ingresso: 15R).
Più oltre, il Nyani Tribal Village propone la ricostruzione di un villaggio della popolazione locale (Kapama Lodge Rd, tel. 7933816. Orario: tutti i giorni 9-16.30. Ingresso: 35R), mentre nella Tsinini Silk Farm si lavora artigianalmente la seta (tel. 7935033. Orario: lun-sab 9.30-14.30. Ingresso: 25R).
Circa 10 km a sud si trova il Centro Hoedispruit di Ricerche e Allevamento dei Ghepardi, che possiede numerosi esemplari di questi felini, formidabili corridori (tel. 79331633. Orario: lunedì-sabato 8-16. Ingresso: 35R).
Circa 40 km a est, invece, la Timbavati Nature Reserve protegge alcuni rari esemplari di leone bianco e vi si può dormire presso il lussuoso Thorny-Bush Resort (tel. 01528/31976), che nel prezzo comprende un trattamento di pensione completa e i safari.

 

testi di: Pietro Tarallo