Contatti

Groenlandia, programma di viaggio

Il nostro programma di viaggio prevede uno scalo a Copenaghen, con sosta di una notte, partenza al mattino successivo per Kangerlussuaq (4 ore e 40 di volo) da dove si raggiunge con un aereo a elica la città di Ilulissat (terzo centro per grandezza della Groenlandia). A Ilulissat voleremo sopra il ghiacchiaio di Sermeq Kujalleq (o Icecap), largo 5 km e di spessore sconosciuto (il più grande ghiacciaio del mondo al di fuori dell'Antartide); ammireremo il fordo di Kangia con il suo paesaggio mozzafiato; avremo modo di conoscere gli artigiani locali che producono manufatti con la pelle di foca... e tanto altro.

Ecco come arrivare e come muoversi in Groenlandia:

  • I voli internazionali arrivano dalla Danimarca (SAS e Air Greenland), dal Canada e dall’Islanda (Icelandair, Air Greenland).
  • I grandi aeroporti, nati come base militari americane, sono quelli di Kangerlussuaq (Søndre Strømfjord), Narsarsuaq e Pituffik (Thule Air Base).
  • Gli aeroporti civili minori di Kulusuk, Nerlerit Inaat (Constable Pynt), Nuuk, Ilulissat, Sisimilut e Aasiaat sono adatti solo per aerei piccoli e dotati di eliporti.
  • La compagnia aerea Air Greenland, cura tutti i voli interni. 

Il clima artico, il mare ghiacciato per parte dell’anno attorno alle coste dell’isola e le distanze a volte di migliaia di chilometri tra una città e la località più vicina hanno obbligato Groenlandesi e turisti a privilegiare lo spostamento con gli elicotteri. Oggi la tendenza è quella di diminuire l’uso dei costosissimi trasporti via elicottero e aumentare gli spostamenti con piccoli aerei che possono decollare e atterrare su piste cortissime.

 L'Artico ci aspetta.
 
#Greenland #Dreamland 

 

testi di: redazione guidemoizzi