Mar Morto - Betania, luogo del Battesimo di Cristo

Lunghi anni di ricerche archeologiche, di studi dei testi biblici ed evangelici (Giovanni 10:40, Matteo 3:13, Marco 1:9), analisi di resoconti di epoca bizantina e medievale, oltre a testimonianze della locale chiesa ortodossa, hanno portato alla scoperta, nel 1996, del sito in cui Giovanni Battista predicava e battezzava i fedeli, tra i quali vi fu anche Gesù Cristo. Il sito si trova a poco meno di un’ora da Amman e si raggiunge in auto dalla capitale seguendo le indicazioni per il Mar Morto. Prima di raggiungerlo, cartelli segnaletici indicano il punto di svolta per il Baptism Site (a nord del Mar Morto). Come gli antichi pellegrini, lo si può raggiungere anche passando dal Monte Nebo e scendendo a sinistra del Memoriale di Mosè (c’è un cartello segnaletico). Provenendo da sud, e costeggiando il Mar Morto, il cartello per il sito battesimale si incontra procedendo in direzione di Amman. Non esistono mezzi di trasporto pubblico.

Il luogo, conosciuto come Betania oltre il Giordano, è stato identificato nel sito di Tell al Kharrar, posto all’inizio dell’omonimo Wadi e a circa un paio di chilometri dalla sponda orientale del Giordano. Qui sono state rinvenute le rovine di un monastero bizantino, meta di pellegrinaggi che toccavano anche Tell Mar Elias, la vicina collina da cui il profeta Elia sarebbe asceso al cielo e dove resta ancora traccia di un santuario. La zona di Wadi al Kharrar è riprodotta anche nel celebre mosaico di Madaba, conosciuto come«la Mappa di Terra Santa», con il nome di Safsafas.

Il luogo fu costante meta di passaggio per i pellegrini che si recavano dal Monte Nebo a Gerusalemme, sostando sulle rive del Giordano, nel luogo battesimale.

testi di: Carla Diamanti