Il nord - Irbid

Pur essendo una grande città molto conosciuta, Irbid, l’antica Arabella, che dista circa 90 km da Amman, non è mai o quasi mai meta di visite turistiche. Per raggiungerla occorre prendere la strada per Sweileh-Baqaa in direzione Jerash e poi proseguire verso la città. Certo, non può competere con altri siti della stessa area sul piano delle ricchezze archeologiche, ma conserva una bella collezione di reperti che da sola – avendo del tempo a disposizione – rende valida una sosta. Si trovano nel museo aperto presso la Yarmuk University, una delle più prestigiose, se non la più prestigiosa università di Giordania.

Il Museo Archeologico dell’università di Yarmuk custodisce, infatti, ritrovamenti e reperti di epoca preistorica, risalenti al periodo neolitico, calcolitico, all’Età del Bronzo, del Ferro e ai periodi classici. Tutti gli oggetti sono stati rinvenuti nelle zone settentrionali della Giordania, in particolare nel sito di Jawa, considerato uno dei più importanti tra gli insediamenti delle città stato dell’Età del Bronzo. Nella sezione antropologica sono custoditi oggetti di uso quotidiano dei contadini dell’area risalenti all’inizio del secolo. (Yarmuk University. Aperto dalle 8 alle 14, chiuso martedì).

testi di: Carla Diamanti