Eilat

Unico sbocco di Israele sul Mar Rosso, Eilat è meta di villeggiatura durante tutto l’anno a causa delle sue particolari condizioni climatiche. Dinamico centro moderno, oggi conta 50.000 abitanti e offre una ricettività alberghiera di oltre 8400 camere. Proprio per sottolineare la centralità del turismo internazionale, nel 1985 Eilat venne dichiarata porto franco. Fare acquisti qui infatti significa acquistare beni e servizi esenti dalla TVA. Frequentata sia dal turismo internazionale che da quello locale, Eilat ha il suo punto di forza nella bellezza naturale dei suoi coralli, attorno ai quali sono state sviluppate molte delle offerte turistiche che spaziano dalle immersioni guidate alle gite sulle barche dal fondo trasparente. 
Eilat era un porto molto attivo già durante il periodo dei Regni di Israele e di Giudea grazie alla sua posizione strategica sia per i commerci che per i pellegrinaggi. 
Qui si trovava Etzion Gaber, il biblico porto del re Salomone da cui transitavano i preziosi carichi di spezie. I primi insediamenti israeliani della città attuale iniziarono alla fine del 1949, a seguito della proclamazione dello Stato di Israele. 
L’invasione del Sinai, qualche anno dopo, diede un nuovo impulso di crescita alla città, mettendo in risalto ancora una volta il valore strategico della sua posizione. Nel 2009 Eilat ha celebrato il 60° anniversario dalla fondazione.
Da Eilat è possibile raggiungere facilmente la regione di Eilot e il Parco Nazionale di Timna, oppure effettuare escursioni in Sinai o in Giordania per visitare Petra. 
Le numerose organizzazioni turistiche propongono svariati pacchetti per ognuna di queste escursioni. Si può scegliere tra gite in auto, trekking, avventure a dorso di cammello o in jeep.
 
testi di: