Gerico - Tell as-Sultan

Il sito dell’antica Gerico si trova un paio di chilometri a nord-ovest della città attuale. Questo, che è uno dei più importanti ritrovamenti archeologici nel Medio Oriente, ha reperti che risalgono a circa 9000 anni prima di Cristo. Tell as-Sultan ha prodotto numerosi esempi di ceramica detta di Khirbet Kerak (dal nome di una località che si trova a sud del Lago di Tiberiade), databili alla metà del III millennio a.C. e tipici delle prime società urbane di Siria e Palestina. Ai lavori di scavo partecipa una missione italo-palestinese.
Sul sito sono visibili l’antica scalinata, le mura e una torre fortificata cilindrica risalente all’8000 a.C. circa. Molto interessanti sono i resti delle strutture abitative in mattoni crudi risalenti all’Età del Bronzo. Alla città si accedeva tramite una porta di accesso che si apriva tra la torre orientale e quella occidentale, che fungevano da protezione contro gli attacchi e che interrompevano la continuità del muro di cinta. 
Le porte di accesso alle città erano dei luoghi di raduno, di mercato, di esazione, e quindi avevano una funzione determinante e centrale nella vita urbana. 
L’importanza di Tell as-Sultan sta nel fatto che è una preziosa fonte di informazioni sulla struttura delle prime città organizzate e sul sistema di scambi commerciali in tutta la regione. Tra i ritrovamenti più importanti c’è infatti un peso corrispondente a quello usato in altre località della Palestina e in Siria, a conferma del fatto che tutta l’area progrediva in modo uniforme e aveva usi comuni. 
È in progetto l’apertura di un parco nazionale archeologico della regione di Gerico, nel quale verranno inclusi anche altri siti vicini a Tell as-Sultan.
 
testi di: Carla Diamanti