Gerusalemme - Monte del Tempio

Quello che per i musulmani si chiama al-Haram as-Sharif per gli Ebrei è il Monte del Tempio (Temple Mount, o anche Mount Moriah), il luogo cioè dove sorgevano il Primo e il Secondo Tempio. Il Primo Tempio, costruito da re Salomone, venne distrutto dai Babilonesi di Nabucodonosor nel 586 a.C., mentre il Secondo Tempio, costruito nel 515 a.C. e ampliato nel 20 a.C. da Erode, venne distrutto dall’imperatore romano Tito nel 70 d.C. nel giorno del 9 del mese di Av, lo stesso in cui avvenne la prima distruzione. 
Divenuto un luogo di culto islamico in seguito alla conquista araba, al-Haram as-Sharif per un periodo di tempo passò sotto il controllo dei Crociati, quando le moschee vennero trasformate in chiese. Oggi, venerato di nuovo dai musulmani, è uno dei maggiori complessi religiosi di tutto il mondo antico. 
I non musulmani possono accedere alla splendida spianata delle moschee da due ingressi: uno si trova a destra del Muro Occidentale (nella salita oltre il luogo di preghiera delle donne) ed è presidiato da un posto di blocco con poliziotti israeliani, l’altro si trova alla fine della via delle Catene (street of Chains, o Ha HaShalshelet), continuazione di David street (o suq al-bazar) che inizia dalla porta di Jaffa. Anche in questo ingresso (da cui però si entra solo di mattina) ci sono poliziotti israeliani. Si può uscire da qualunque altra porta di al-Haram.
 
testi di: Carla Diamanti